Caricamento Eventi


Non c’è guerra che tenga: a pagare le spese più dolorose e violente sono sempre le donne.
Lo abbiamo visto anche in Ucraina, dove ben presto la guerra ha crudelmente individuato il suo campo di battaglia sul corpo delle donne.
Le violenze sessuali nel corso dei conflitti sono uno strumento catastrofico, che riesce non solo a ferire irreparabilmente una donna, ma anche ad annientare un intero popolo che si ritrova in un limbo di dolorosa impotenza. Violenze che per disperazione, vergogna o impossibilità pratiche vengono spesso taciute, e invece è proprio attraverso la loro denuncia che è possibile rimettersi in piedi. Il racconto di giornalisti, come l’inviato di Avvenire Nello Scavo, ma anche l’impegno internazionale da parte della politica, sono essenziali per lottare contro l’impunità. Anche il cinema e lo spiraglio che riesce ad aprire su queste ferite, come ha fatto l’attrice Kasia Smutniak, fa la sua parte.

 

Intervengono:


MARIA MEZENTSEVA deputata ucraina

ALESSANDRA MORETTI eurodeputata

NELLO SCAVO giornalista

KASIA SMUTNIAK attrice e attivista

PINA PICIERNO vicepresidente del Parlamento europeo

PAOLA ANGELETTI Intesa Sanpaolo, Chief Operating Officer

 

UMBERTO CAVALLARO business Development Director Ascoservice

 

 

Modera:


MASSIMILIANO COCCIA giornalista L’Espresso

 

PER INFORMAZIONI:

alessandramoretti.sulterritorio@gmail.com

Tel. +39 349 834 074

Torna in alto