Ultimi eventi | Eventi

Cinema e arte, strumenti di empowerment e uguaglianza

Tutti i grandi cambiamenti, culturali e storici, sono stati accompagnati da una forma d’arte che li ha raccontati o che addirittura ha spianato la strada al cambiamento. Lo stesso avviene anche nel campo delle libertà e dei diritti. Ed è proprio quando viene tenuta chiusa una bocca o sequestrata una penna che arriva il momento di temere per le proprie libertà. Ci sono voci temute dagli oppressori, sono le voci libere e forti di tante donne artiste che nel mondo, attraverso il proprio lavoro, rivendicano diritti e uguaglianza. Difendere la loro arte significa difendere la libertà di tutti.

Arte, ponte tra mondi

L’arte è un linguaggio che travalica confini, parole e culture. In tutte le svariate forme in cui l’arte può essere declinata, questa ha la rara capacità di creare un canale di comunicazione tra mondi. L’arte racconta storie e sentimenti che sono patrimonio comune di tutte le persone, a prescindere dalla loro origine e dal loro bagaglio di esperienze. Proprio perché parla con un linguaggio unico, l’arte è un tesoro che può e deve essere accessibile a tutti.

L’arma più efficace: la prevenzione. Il racconto del progetto Zero

Il 40% dei casi di cancro può essere risolto positivamente se affrontato per tempo. Questo è ancor più vero oggi, nell’emergenza Covid che ha paralizzato moltissime strutture mediche e ospedaliere, con il rischio serio per molti pazienti di cancro di non essere curati adeguatamente e nei tempi utili. Questo panel vuole raccogliere le voci dei pazienti, medici e ricercatori che ogni giorno lottano contro il cancro. La sfida la si può vincere se ognuno fa la propria parte: ci sono aziende in campo per promuovere prevenzione e stili di vita sani e c’è anche l’Unione Europea al lavoro affinché tutti i cittadini abbiano accesso alla prevenzione e alla cura

Torna su